Eventi

Convegno

Il 27 aprile 2005 presso il Centro Congressi dell’Hotel Sheraton di Padova (h.17.00 – 19.00) l’Osservatorio del Distretto Calzaturiero Veneto ha organizzato un convegno dal tema: "SINERGIE VINCENTI”.
Obiettivo dell'incontro è stato quello di esplorare e comprendere la cooperazione tra team interdisciplinari e partner internazionali attraverso l’esperienza del Prof. Francesco Angrilli Direttore Centro Interdipartimentale Studi ed Attività Spaziali CISAS “G.Colombo” dell’Università di Padova del Cisas di Padova che ha partecipato alla missione Huygens-Cassini su Titano in collaborazione con 17 centri di 11 nazioni.
Un racconto di come passione, collaborazione e lavoro di squadra possano fare la differenza offrendo l’opportunità di raggiungere gli obiettivi prefissati in modo efficace ed efficiente.
Il Convegno è stato aperto da Franco Ballin (Presidente di ATI – Distretto Calzaturiero Veneto) seguito dagli interventi di Flavio Manzolini (Assessore Provincia di Padova) Pietro Farneda (Presidente di Federexport del Veneto) Francesco Angrilli (Direttore CISAS “G.Colombo” dell’Università di Padova) Vittorio Pierobon (Vice Direttore “Il Gazzettino”) e Pier Antonio Nicoletti (Ufficio Distretti Regione Veneto). Lo studio preliminare ed il convegno sono stati realizzati anche grazie ad un contributo della Camera di Commercio I.A.A. di Venezia.

scarica il PDF dell'Evento  


Progetto 1: Innovazione di prodotto nel settore calzaturiero veneto: le nano tecnologie applicate a pelli, tessuti e componenti

Il progetto ha come oggetto lo studio di nuovi materiali ed il miglioramento delle caratteristiche dei materiali esistenti al fine di consentire l’introduzione di innovazioni stilistiche e di prodotto ed il miglioramento della qualità e del comfort delle calzature. Si intende raggiungere tali obiettivi attraverso il coinvolgimento della Comunità Scientifica e delle Aziende per favorire l’individuazione, l’adattamento, il trasferimento delle conoscenze e dei materiali sviluppati in altri settori e/o in settori affini e sarà articolato nelle seguenti azioni:

  1. realizzazione di una ricerca per individuare i centri che operano in Veneto, in Italia ed in Europa nell’area dei materiali ed analisi delle loro competenze specifiche;
  2. creazione di una rete che consenta di mettere in comune le conoscenze dei centri di ricerca che si occupano di innovazione sui nuovi materiali;
  3. sviluppo attività di ricerca:
    • area materiali per tomaia e fodera:
    • indagine ed analisi sulle ricerche in essere relative ai nano materiali con particolare riferimento alle pelli ed ai tessuti
    • valutazione della applicabilità e risultati attesi;
    • area materiali per componenti strutturali:
    • sviluppo di ricerche per il miglioramento delle caratteristiche meccaniche e fisiche dei materiali termoplastici utilizzati per la realizzazione di parti e componenti della calzatura;
  4. caratterizzazione dei materiali selezionati e/o predisposti, attraverso prove di laboratorio, per verificare la loro idoneità ad applicazioni calzaturiere
  5. sperimentazione di tipo tecnico strutturale, da parte delle aziende proponenti, di quei materiali ritenuti idonei ad applicazioni calzaturiere;
  6. realizzazione di prototipi innovativi non commerciabili con i materiali individuati nell’ambito della ricerca e/o selezionati tra quelli disponibili sul mercato che valorizzino sia gli aspetti tecnici che quelli stilistici delle calzature;
  7. promozione dei risultati della ricerca e della sperimentazione presso i produttori di materiali per il settore calzaturiero per verificare la possibilità di produrli industrialmente.



Progetto 2 - Realizzazione di una piattaforma ICT innovativa per la progettazione condivisa nella la filiera industriale del settore calzaturiero

Il progetto intende sviluppare tecnologie digitali adatte a sostenere la ridefinizione dei processi produttivi e il coordinamento inter-organizzativo all'interno della filiera di PMI del distretto, a prescindere dalla localizzazione geografica delle unità e dei soggetti coinvolti. Lo scopo è contribuire in modo sostanziale al miglioramento della competitività internazionale delle imprese del settore calzaturiero veneto. Le attività di progettazione congiunta (co-progettazione) coinvolgono soggetti/imprese diverse e richiedono un elevato grado coordinamento, reso critico dalle esigenze di risposta rapida, dalla necessità di fonti e informazioni di mercato tempestive e dalla varietà/complessità dei rapporti all'interno dei cluster di imprese interessate.
Le attività e i risultati che si intende conseguire nell’area della progettazione congiunta sono:

  1. Definizione di specifiche, standard ed informazioni necessarie per l'attività di co-progettazione, con riferimento a uno o più modelli di organizzazione all'interno della filiera;
  2. Ricerca e analisi comparata delle piattaforme co-progettazione esistenti; individuazione, sulla base delle esperienze e sperimentazioni esistenti, dei vantaggi e dei limiti;
  3. Analisi delle problematiche legate alle creazione e gestione di database condivisi finalizzati allo scambio di file tecnici per la progettazione; definizione degli standard per lo scambio dei file;
  4. Sviluppo di un modello di reingegnerizzazione del processo di progettazione finalizzato alla riduzione dei costi e dei tempi di progetto (parallelizzazione di attività, riduzione/eliminazione di fasi, etc.);
  5. Sviluppo di un modello di piattaforma per la co-progettazione basato sulle acquisizioni precedenti, comprendente tools e supporti digitali per la preparazione di campionari digitali, per il rapid prototiping e la realizzazione dei campionari fisici;
  6. Validazione-sperimentazione della piattaforma integrata (verifica degli impatti organizzativi, delle problematiche sollevate dalla creazione standardizzazione e scambio di documenti comuni all’interno di gruppi di progetto, etc.)
  7. Promozione dei risultati della ricerca e della sperimentazione



Progetto 3 - Laboratorio di controllo qualità materiali finalizzato alla fornitura di servizi di assistenza tecnica, ricerche di settore, effettuazione di prove e tarature

Il progetto ha l’obiettivo di costituire un laboratorio di controllo qualità materiali finalizzato alla fornitura di servizi di assistenza tecnica, ricerche di settore, effettuazione di prove e tarature per le aziende Calzaturiere del Distretto Veneto. Il progetto è articolato in tre azioni:


Azione 1 – La prima azione prevede la costituzione e la messa in funzione del laboratorio attraverso le seguenti attività:

  1. Acquisto delle apparecchiature per la realizzazione di prove fisico meccaniche e chimiche sui materiali, sui componenti e sulla calzatura;
  2. Formazione di personale tecnico in grado di gestire il laboratorio e di applicare le metodologie di prova.
  3. Definizione delle procedure operative per la realizzazione delle prove e per la gestione del laboratorio.

Azione 2 - La seconda azione prevede l’individuazione e la sperimentazione di nuove tecnologie di produzione e sarà articolata nelle seguenti fasi:

  1. individuazione dei produttori di sistemi e macchine per il settore calzaturiero ed analisi delle tecnologie proposte;
  2. creazione di un gruppo di lavoro che, in collaborazione con i produttori di tecnologie per il settore calzaturiero, effettui un monitoraggio dei nuovi prodotti proposti al mercato, ed eventualmente utilizzati per altre tipologie di calzature, identificando soluzioni di interesse per le aziende del Distretto;
  3. sperimentazione di alcune di queste tecnologie nelle aziende calzaturiere del Distretto valutando l’impatto sui processi ed il rapporto costi - benefici.

Azione 3 - La terza azione prevede l’individuazione e la sperimentazione di nuovi materiali per la realizzazione del contrafforte, del puntale, del sottopiede e delle tele di rinforzo di tomaia e la fodera. L’attività sarà articolata nelle seguenti fasi:

  1. individuazione dei produttori ed analisi dei nuovi prodotti proposti;
  2. creazione di un gruppo di lavoro per il monitoraggio di quei prodotti di interesse per le aziende del Distretto Calzaturiero Veneto;
  3. caratterizzazione dei materiali identificati attraverso delle prove di laboratorio di tipo fisico, meccanico e chimico;
  4. sperimentazione dei componenti/materiali individuati attraverso la realizzazione, di prototipi che saranno collaudati con prove di laboratorio e con prove su strada.



Convegno

Sabato 22 ottobre p.v. si è svolto presso Villa Foscarini a Stra (Ve) dalle ore 10,00 alle ore 12,00 il convegno “L’arte di vincere: alla scoperta del pensiero strategico” organizzato dal Distretto Calzaturiero Veneto. Si è trattato di un momento formativo gratuito dedicato a quanti sono chiamati a prendere decisioni strategiche. Sempre più spesso leggiamo che il mercato moderno è un “campo di battaglia”, che è giunta l’ora di “cambiare fronte”, che l’imprenditore e il manager devono possedere le doti di un “condottiero”, che le imprese devono fare “quadrato”, che l’innovazione e la valorizzazione delle risorse umane sono le nuove armi per “dominare” lo scenario internazionale. Similitudini tra la conduzione di un’azienda e quella di un esercito, dov’è necessario combinare le qualità umane e l’intuizione con il cambiamento continuo delle variabili competitive e tecnologiche. Relatore dell’incontro era Andrea Dalledonne, esperto in controllo di gestione e riorganizzazione aziendale, presidente di A.D.D. – Consulenza di Direzione per l’impresa. A coordinarlo due imprenditori: Guerrino Carraro - presidente Politecnico Calzaturiero e Angelo Penazzato – consigliere Acrib e Anci. Tra non molto in questa sezione saranno disponibili gli atti del convegno. Lo studio preliminare ed il convegno sono stati realizzati anche grazie ad un contributo della Camera di Commercio I.A.A. di Venezia.

scarica il PDF dell'Evento  


Convegno

Dopo il successo dello scorso anno è stato riproposto l'8 ottobre presso il Centro Congressi dell’Hotel Sheraton di Padova il convegno dal tema: "SCENARI PER IL FUTURO 2005" organizzato dall’Osservatorio del Distretto Calzaturiero Veneto. Sono state presentate, con prospettive a medio termine (3-5 anni), i nuovi orientamenti di carattere sociale, culturale ed economico e di valutata la situazione attuale dei mercati e le possibili strategie per affrontarli. Il Convegno è stato aperto da Franco Ballin (Presidente di ATI – Distretto Calzaturiero Veneto) e da Pier Antonio Nicoletti (Regione Veneto). Sono seguiti gli interventi del sociologo Enrico Finzi (Astra/Demoskopea) e del Prof. Joseph Sassoon (Alphabet) esperto di comunicazione e di mercati internazionali. Presto saranno disponibili in questa sezione gli atti del convegno. Lo studio preliminare ed il convegno sono stati realizzati anche grazie ad un contributo della Camera di Commercio I.A.A. di Venezia.

scarica il PDF dell'Evento  


Convegno

Venerdì 25 novembre p.v. si svolgerà presso l’hotel Villa Franceschi a Mira (Ve) alle ore 17,30 il convegno “La forza delle relazioni” organizzato dal Distretto Calzaturiero Veneto. Lo studio preliminare ed il convegno sono stati realizzati anche grazie ad un contributo della Camera di Commercio I.A.A. di Venezia. Relatore dell’incontro sarà Sebastiano Zanolli, direttore generale di un’importante azienda del sistema moda e autore del libro “Una soluzione intelligente alle difficoltà quotidiane”. Interverranno Franco Ballin – presidente Acrib e ATI “Distretto Calzaturiero Veneto” e Pier Antonio Nicoletti della Regione Veneto. L’intervento di Sebastiano Zanolli ha l’obiettivo di affrontare il tema del networking tra persone e tra aziende non come soluzione per stare a galla sul mercato, ma come strumento per affrontare la complessità della realtà in cui viviamo, per costruirsi un futuro, per realizzare un circolo virtuoso che garantisca uno sviluppo economico e sociale sostenibile.

scarica il PDF dell'Evento  


Ultimo aggiornamento: 12/12/2017

?Copyright 2005-2007 Distretto Calzaturiero Veneto ?Tutti i diritti riservati.
Sede: via Mazzini, 2 30039 Stra (VE) Italy - Tel: +39 049.9801422 - Fax +39 049.9800503 - Email info@distrettocalzaturieroveneto.it
P.Iva 03161180272 - Con il contributo della Regione Veneto L.R. 8/2003 e delle Camere di Commercio di Padova e Venezia